Ca’ Shin 24 luglio

Con un salto di un bambino nella favola del lupo ….

poi viene tutto il resto. Tutti i gradoni dell’ortoteatro di ca’ Shin sono pieni, leggere da quella distanza e in quella propsettiva è una emozione davvero forte. Ma quando scopri di essere un #lettoremobile, ormai è fatta, ci sono solo il leggio e il microfono da sistemare e…. si parte!

Hanno giocato con ombre e parole:

  • Nicola ci ha letto uno dei suoi racconti “Surflac”
  • Nicoletta ci ha letto uno dei sui racconti dal titolo “900”
  • Lorenzo ha letto la favola del ” Il lupo che indaga al museo” di E.Thuillier
  • Mauri ci ha letto un brano di E. Brizzi dal libro “Il cavaliere senza testa”
  • Marci ha letto un brano da WebRadio2 della puntata del mattino del 22/7
  • Alessandro ha letto il brano “Raptus” di Quintorigo
  • Mario ci ha letto le sue poesie in bolognese ed in italiano
  • Cristina ci ha letto un brano da “Venezia è un pesce” di T. Scarpa
  • Lorenzo ci ha letto un brano da “Io speriamo che me la cavo” di M.D’Orta
  • Lisa ci ha letto un brano di Fruttero-Lucentini ” I ferri del mestiere”
  • Antonio ci ha letto un brano da “La strategia della clarissa” di C. Governa
  • Cinzia ci ha letto un brano da “Nel nome di Dante” di M.Martinelli
  • Elvira ci ha letto il testo di una canzone di G. Gaber.

Una infaticabile e luminosa Marcivalletta ha governato e diretto la scaletta.

Precedente E una sera, nella villa, dopo le cicale hanno cominciato i grilli Successivo Dal tramonto all'alba, 12 ore di letturemobili!