San Leonardo e l’ospitalità dei ChiusiFuori; il 14 luglio son tornate le #letturemobili

Letturemobili di nuovo nel color “muridiBologna” delle case che fanno da sfondo in via San Leonardo, una cornice architettonica ma “naturale” e assolutamente congeniale ai racconti, alle scoperte, al ritrovarsi.

Un grazie grandissimo ai Chiusi Fuori, sia per l’ospitalità (sempre splendida e splendente) in un luogo che continua ad avere da dire tante cose a quasta città, sia per quella cosa che si è creata occasione dopo occasione e che continua a letturemobili finite, verrebbe da dire a “micorfono spento”, sempre più un momento fondante del nostro andare in giro con roll up, leggio e casse, per i luoghi di Bologna a conoscere persone. Ah, il salame era indimenticabile!

Ecco lettorimobili & letturemobili del pomeriggio verso sera:

  • Lucia con Kent Haruf, Le nostre anime di notte & da Oceano Mare di Baricco
  • Roberta con poesie in bolognese di Giorgio Campi
  • Luca G. con Fedor Dostoevskji, Le notti bianche & Senza parole di Vasco Rossi
  • Antonia con Laura Laurenzi, I fantasmi del Piper
  • Lisa N. con 2 testamenti da Salvatore de Matteis, Essendo capace di intendere e di volere; brani da Francesco Majani, Cose accadute in tempo di mia vitaIl te suffisait que je t’aime di Charles Aznavour
  • Chiara con Bukowski, Primo amore, da Quando eravamo giovani & Gianni Rodari, La grammatica della fantasia
  • Alessandro con Jorge Luis Borges, Finzioni & Decalogo sul perché si legge
  • Nicoletta con Peggy Guggenheim, Una vita per l’arte & una lettera di Albert Camus
  • Anna con Poesie di Raffaello Baldini
  • Luca Il Gatto con Jean-Claude Izzo, Ascoltando il mare
  • Vera con Luigi Malerba, Storiette e storiette tascabili
  • Giuliano con un testamento da De Matteis, Essendo capace di intendere e di volere & una poesia di Pablo Neruda
  • Ciro con Totò, La livella e altre poesie
  • Nicolò con Relazione dell’ispettorato per l’immigrazione americana del 1912
  • Giulio il prof. con Luca Bottura, Resistenza e fascismo

Direzione & orchestra & cori & emozioni a cura di Lisa

Precedente Ci siamo fatti soprendere dal tramonto sulle colline di Zola Predosa Successivo A Casteldebole fuoricampo con pieno di #letturemobili