Che una sera, a Ca’ Shin, c’era la fila per leggere …

Dopo tre anni di appuntamenti all’ortoteatro, è successo che la fila dei lettorimobili ha riempito tutto il tempo disponibile e non è finita lì …

In una serata di estate piena, ecco che la collina diventa sempre di più un luogo delle parole “collettive” e della grande emozione che regalano i lettorimobili con il loro piacere

Silvia M. ha letto Fare e disfare, una canzone di Cesare Cremonini

Roberta T. ha letto alcune pagine da Non ora, non qui di Erri De Luca

Nicoletta B. ha letto alcune pagine da Una vita per l’arte di Peggy Guggenheim

Antonia M. ha letto due poesie

Maurizio “Legatore” ha letto alcune poesie di Antonio di Cesare

Giorgio R. ha letto alcune pagine da Questo è un uomo di Davide Camarrone

Nicola “Rocciatore” ha letto un suo componimento sui Malfattori Bolognesi

Vera “Molotova” ha letto alcune pagine da Aldo Busi riscrive il Decamerone di Giovanni Boccaccio

Betta G. ha letto un racconto da Una storia sbagliata. Donne e uomini che sono caduti e si sono rialzati di Beppe Stoppa

Marci “nonvalletta” ha letto “Leggerezza” da Lezioni Americane di Italo Calvino

Michele ha letto un passaggio da Connectography di Parag Khanna

Cinzia ha letto pagine che parlano di Orsigna da La fine è il mio inizio di Tiziano Terzani

Laura “Lorsa” h aletto alcune pagine dal Simposio di Platone

Domenico ha letto alcune pagine da un libro scritto proprio da lui, La collezione di cretini

Patrizia ha letto alcune pagine da Le nostre anime di notte di Kent Haruf

Giovanna ha letto alcune pagine da Il club dei filosofi dilettanti di Alexander McCall Smith

Alessandro ha letto alcune pagine da L’ era del porco di Gianluca Morozzi

Luca “Gatto” ha letto alcune pagine da Il libro di cuicna per gli uomini che vogiono fare colpo sulle donne con pochi mezzi e ancor meno epserienza di Nicole Seeman

Massimo G. non è riuscito a leggere le pagine che avrebbe voluto da Biscotti e sospetti di Stefania Bertola

Precedente A Ca' Shin buona la prima! Successivo Ci siamo fatti soprendere dal tramonto sulle colline di Zola Predosa